L’Imperia Rugby prospera con una nuova superficie di gioco

Le storie del rugby e del tappeto erboso Village Green in Italia hanno parallelismi analoghi: entrambe sono considerate relativamente nuove e stanno rapidamente guadagnando riconoscimenti e consensi in un panorama competitivo.

Nella splendida città costiera di Imperia, sul Mar Mediterraneo settentrionale, in Liguria, si trova il club sportivo Imperia Rugby…

 

L’ Imperia Rugby è una società sportiva orgogliosa che dal 1974 gioca e promuove il rugby. Ma fino a poco tempo fa, le squadre senior e l’intera gamma delle squadre juniores avevano sopportato di giocare su campi in terra battuta e in erba irregolare.

Con l’introduzione del tappeto erboso Village Green, la vita sportiva delle centinaia di membri è cambiata per sempre.
Nel 2019, il club ha deciso di investire in una nuova superficie di gioco e da allora il club è diventato una calamita per i tornei, gli accordi di sport-share e gli eventi della comunità.

Nella ricerca di una varietà di tappeto erboso durevole e di buona adattabilità, il presidente del club Luigi Ardoino ha contattato un greenkeeper professionista locale, Enrico Minazzo, che aveva visto in altri progetti sportivi il successo del Village Green.
Ardoino ha detto che i freddi inverni della Liguria e la vicinanza alle montagne non hanno mai reso facile la gestione dei campi in erba.

“Sono davvero stupito di come il Villaggio Green si sia comportato bene durante tutto l’anno”, ha detto Ardoino.

Parlando solo pochi giorni dopo che Imperia aveva ospitato un torneo nel fine settimana con squadre del sud Europa, ha detto che il nervosismo del club per la gestione di un campo di qualità è ormai scomparso.

“Il campo ha funzionato bene e molti giocatori monegaschi, abituati alle grandi strutture, sono rimasti stupiti dalla qualità del terreno di gioco, soprattutto rispetto alle precedenti visite”, ha detto Ardoino.

Stagioni di successo

Il Village Green è stata stolonato nell’agosto 2019. Lo stolonizzazione è il processo di presa dello stolone della pianta del tappeto erboso, che è una struttura riproduttiva e la sua diffusione sulla superficie dello sporco, proprio come la semina.

Il Greenkeeper Minazzo ha detto che durante il primo inverno, come al solito, c’erano alcuni segni visibili di danni da traffico, ma ha comunque gestito bene, ma dalla primavera (e senza la manutenzione dovuta COVID-19) il campo ha goduto di una copertura rigogliosa e uniforme.

“Il Village Green perde tono molto tardi, a gennaio, rispetto a Bermuda che diventa marrone a novembre, e spesso, soprattutto se non c’è molto traffico, rimane verde anche in questo periodo”, ha detto Minazzo.
“Questo è un grande vantaggio per noi, perché vogliamo sempre offrire il meglio per il club”.
Il club ha installato un nuovo sistema di irrigazione per mantenere la superficie.
“Il terreno esistente è piuttosto scadente e il budget non ci ha permesso di rifarlo tutto, così abbiamo raschiato e livellato un pezzo di terreno poco profondo e l’abbiamo ricoperto di sabbia”.

Il signor Minazzo ha detto che il Village Green era l’unico tipo di tappeto erboso che avrebbe potuto funzionare così bene in queste condizioni, ed era particolarmente abile nel gestire il traffico pesante delle partite di rugby e l’usura rigorosa degli stivali chiodati causata dalle mischie di rugby, dove il tappeto erboso è spinto al suo limite.

“L’apparato radicale profondo resiste bene al rugby e ad altri sport, e non potremmo essere più soddisfatti della scarsa manutenzione e del basso fabbisogno di acqua”, ha detto Minazzo.

Grazie al successo del tappeto erboso di Imperia Rugby, molte altre associazioni sportive sono ora desiderose di giocare in campo.

Il presidente del club, Ardoino, ha detto che nel loro campo da rugby si è concluso un triathlon estivo.
“Con più di 1.000 persone in due settimane, è stato incredibile la velocità con cui il tappeto erboso del Village Green si è ripreso”, ha detto.

Leave a Reply

Facebook
YouTube
Instagram
Call Now ButtonCALL TODAY! +39 338 472 8299